FAQ


Il Bando pubblicato dall'Autorità Idrica Pugliese in data 03 Luglio 2017 è disponibile sul sito www.aip.gov.it. Il Bando è anche disponibile sul presente portale.

Si può presentare la domanda di Bonus Idrico Puglia dal 01 Settembre 2017 al 31 Dicembre 2017.

Per avere diritto di accesso al Bonus Idrico Puglia devi possedere tutti i seguenti requisiti:

  1. essere cittadino residente nei Comuni della Regione Puglia in cui il Servizio Idrico Integrato è gestito direttamente da Acquedotto Pugliese S.p.A;
  2. aver beneficiato del Bonus Elettrico, per utenza domestica elettrica, nella Regione Puglia, con data inizio dell’agevolazione ricadente nell’anno 2016, nel caso di domande per disagio economico; mentre, nel caso di domande per disagio fisico, aver beneficiato del Bonus Elettrico, per utenza domestica elettrica, nella Regione Puglia, con almeno un giorno di agevolazione nell'anno 2016;
  3. essere direttamente intestatario di una fornitura idrica, ad uso abitativo domestico di residenza, oppure, risiedere in un condominio che è intestatario di contratto idrico Acquedotto Pugliese ad uso abitativo domestico;
  4. la fornitura idrica deve essere attiva al momento della presentazione dell’istanza, ed in regola con i pagamenti nei confronti di Acquedotto Pugliese, ovvero non essere morosa per pagamenti di fatture emesse entro il 31 dicembre 2016;

Si precisa, inoltre, che possono accedere alla richiesta del Bonus Idrico anche i titolari di una Carta Acquisti attiva (D.L.n.112 del 2008).

Al momento della presentazione della domanda devi avere sottomano i seguenti dati, che ti verranno richiesti:

  • Data di nascita dell'intestatario della fornitura elettrica, o del titolare della Carta Acquisti, che ha goduto del Bonus Elettrico nel corso del 2016 e che è titolare di un contratto di utenza idrica AQP ad uso domestico, oppure, che risiede in un condominio intestatario di utenza idrica AQP ad uso domestico.
    • In alternativa alla data di nascita dell'intestatario della fornitura elettrica, o del titolare della Carta Acquisti, esclusivamente via internet , i cittadini potranno fornire, quale dato identificativo, il Codice Fiscale dell'intestatario della fornitura elettrica, o del titolare della Carta Acquisti, che ha beneficiato del Bonus Elettrico nel corso del 2016 e titolare di un contratto AQP di utenza idrica domestica, individuale o condominiale;
  • Codice POD ovvero il codice alfanumerico identificativo dell'utenza elettrica, per il quale il cittadino ha ottenuto il Bonus Elettrico nel 2016;
    • ATTENZIONE: del Codice POD sono da riportare solo le cifre numeriche, e si trova nel primo foglio della bolletta dell'energia elettrica, sotto la voce "Dati di Fornitura";
  • Numero del contratto idrico AQP, come si rileva dalla prima pagina della fattura consumi di Acquedotto Pugliese. Il contratto è richiesto per accreditare direttamente in fattura consumi il Bonus Idrico di cui il cittadino richiede di beneficiare;
  • Codice cliente AQP, ovvero il numero di 10 cifre che è riportato nella fattura consumi AQP della fornitura idrica per il quale si richiede il Bonus Idrico. Il codice cliente indica l'intestatario della fornitura idrica sia singola che condominiale di cui il cittadino fruisce;

ATTENZIONE: il cittadino, nel presentare la domanda di Bonus Idrico, dovrà necessariamente fornire il consenso al trattamento dei dati forniti e di quelli inerenti i benefici relativi al bonus elettrico.

Gli aventi diritto potranno presentare domanda di accesso al Bonus Idrico secondo una delle seguenti modalità:

ATTENZIONE: Le domande presentate secondo una diversa modalità da quelle indicate non saranno prese in considerazione;

Si. Infatti, per richiedere il bonus idrico per disagio economico è necessario essere fruitore di una fornitura idrica, anche se intestato ad un componente della famiglia, ad uso abitativo domestico individuale, oppure, risiedere in un condominio che è intestatario di contratto idrico ad uso abitativo domestico.

No. Infatti, per richiedere il bonus idrico si deve essere fruitori di un servizio idrico AQP, anche se intestato ad un componente della famiglia, ad uso abitativo domestico individuale, oppure, risiedere in un condominio che è intestatario di contratto idrico ad uso abitativo domestico.

No. Infatti, per richiedere il bonus idrico si deve essere fruitori di un contratto idrico domestico AQP attivo al momento della presentazione della domanda di agevolazione.

No. Infatti, un requisito per accedere al Bonus Idrico della Regione Puglia prevede che il beneficiario sia stato titolare di un Bonus Elettrico 2016 in Puglia.

Ogni nucleo familiare può richiedere il bonus idrico per disagio economico e/o fisico per una sola fornitura idrica ad uso abitativo ed in relazione ad un corrispondente Bonus Elettrico. La singola richiesta di Bonus Idrico, prevederà l'agevolazione per l'annualità 2016, se si è beneficiari del Bonus Elettrico..
Le agevolazioni per disagio economico e quelle per disagio fisico però sono cumulabili qualora allo stesso cliente domestico del servizio elettrico siano state riconosciute più agevolazioni di Bonus elettrico.

Per poter richiedere il bonus è necessario che la fornitura idrica sia attiva al momento della presentazione dell’istanza, ed in regola con i pagamenti nei confronti di Acquedotto Pugliese, ovvero non essere morosa per pagamenti di fatture con emissione entro il 31 dicembre 2016.

Il Codice cliente AQP, ovvero il numero di 10 cifre è riportato nelle fatture consumi della fornitura idrica AQP.
Anche il Numero del contratto idrico AQP, si rileva dalla prima pagina della fattura consumi di Acquedotto Pugliese.

Se la domanda è stata presentata e registrata non è più possibile modificarla, ma è possibile annullarla, e quindi solo dopo presentare e registrare una nuova domanda.

L’utente può verificare in ogni momento lo stato della domanda secondo una delle seguenti modalità:

Per verificare lo stato della domanda sarà necessario essere in possesso del numero di protocollo di registrazione della domanda, oppure del codice POD e della data di nascita o del codice fiscale del beneficiario del bonus elettrico.

Tale evenienza, si riscontra quando non sussistono le condizioni necessarie e sufficienti per la presentazione della domanda. Le circostanze che producono tale esito possono essere dovute per il verificarsi di almeno una di queste circostanze:

  • la mancata sussistenza del Bonus Elettrico o la non coerente indicazione dei dati di fornitura idrica AQP;
  • presenza di morosità sulle fatture AQP con scadenza entro il 31 dicembre 2016;
  • fornitura idrica:
    1. diversa da quella domestica;
    2. non attiva alla data di presentazione della domanda;
    3. non nella Regione Puglia e non servita da AQP;

In tal caso non sussistono tutte le condizioni necessarie per la presentazione della domanda. Al cittadino sarà comunicato il numero di protocollo della richiesta.
Alcuni casi in cui si può verificare questa circostanza sono:

  • di recente è stato sottoscritto dal richiedente un contratto per una fornitura idrica e alla data del 01 Settembre 2017, non risulta ancora attiva;

Successivamente, a completamento dell’iniziativa, saranno effettuate le fasi di verifica, di validità delle informazioni contrattuali, e di regolarità dei pagamenti. A conclusione delle verifiche, sarà fornita comunicazione postale al cittadino con indicazione del protocollo e dell’esito dell’erogazione, che se dovuto, avverrà in fattura consumi del contratto AQP.

Nel caso in cui il cittadino fosse intestatario della fornitura idrica, riceverà direttamente nella fattura consumi AQP l’accredito del Bonus Idrico in un’unica soluzione, se dovuto.
In caso di fornitura condominiale, il beneficiario, sarà informato tramite lettera (che sarà inviata presso la fornitura elettrica o presso la fornitura idrica a seconda della scelta operata dal cittadino stesso) dell’avvenuto riconoscimento del bonus e dell’accredito sulla fattura del condominio.
In tal caso il beneficiario del bonus dovrà richiedere il relativo corrispettivo, direttamente all'amministratore del condominio, comunicando il protocollo della domanda di agevolazione idrica presente nella lettera a lui inviata e già comunicato al termine della procedura di presentazione della domanda.

Il POD (Point Of Delivery) è l’identificativo della fornitura elettrica ed è composto da 14 o 15 caratteri (lettere e numeri), come da esempio riportato:

Il POD è facilmente individuabile in quanto è riportato sulla prima pagina della bolletta elettrica, nella sezione DATI FORNITURA ed inizia con IT.

Per accedere al Bonus Idrico si deve indicare solo la parte numerica del POD e quindi 11 o dodici numeri.

FAQ - image: 

Si. In alternativa alla Data di nascita dell’intestatario della fornitura elettrica o del titolare della Carta Acquisti, esclusivamente via internet, potrà fornire, quale dato identificativo, il Codice Fiscale dell’intestatario della fornitura elettrica o del titolare della Carta Acquisti, che ha beneficiato del Bonus Elettrico nel 2016, e titolare di un contratto AQP di utenza idrica domestica, individuale o condominiale;

Si. Potrà beneficiare del Bonus Idrico se comunque saranno soddisfatti anche gli altri requisiti previsti dal bando.